Журнал отечественного кинематографа
О художественных и документальных фильмах советского и российского проризводства
Menu

“La vita di Adele” (2013) di Abdellatif Kechiche 15.11.2022

“La vita di Adele” (2013) di Abdellatif Kechiche

Proiezione vincitore della Palmo biondo per Cannes 2013, La vitalita di Adele e una scusa di lega all’amore (lesbico), profondo ed intensa. L’adolescente Adele (la magnifica gratis siti incontri spirituali Adele Exarchopoulos) acharnee le insicurezze della degoulina periodo. I primi approci mediante indivisible ragazzo la fanno familiarizzare a disagio di nuovo sbagliata. Fin tanto che indivisible incontro occasionale a strada la rapisce interamente: una giovane coi capigliatura blu (Lea Seydoux). Il coordinatore transalpino di origini algerine riprende durante naturalismo infuriato e nobile il costante radunarsi della se relazione, la seduzione sicura eppure delicata di Emma, il esaltazione unito ancora inesperto di Adele, il originario canto a paio durante indivisible misurato rifulgente di sole addirittura del loro bisogno, il primo bacio cordiale e sussurrato, l’intreccio di corpi nudi, attento, completato, vergine anche tenerissimo.

“Mulholland Drive” (2001) di David Lynch

Noir labirintico, insieme addirittura grazioso, non tranne del atto dalle tante facce delle paio protagoniste interpretate da Naomi Watts addirittura Laura Harringe celibe David Lynch sa comporre, ci porta in stretto verso una relazione quale nasce, frammezzo a vuoti di attenzione ancora fascino, oppure come invece muore, entro gelosie, desiderio e ossessioni. La simbologia di Mulholland Drive, importante modo di Los Angeles, sinon perde nell’onirico anche nell’enigma. Sinon puo vedere ancora ritrovare il lungometraggio e dieci demi-tour: insomma una cosa perennemente sfuggira, qualcosa ed sara concentrato, continuamente si rimaliati.

“Pomodori blemi fritti alla pausa del treno” (1991) di Jon Avnet

Pretesto di assenso, onesta ancora amori profondi, di una dolcezza in assenza di eta. Lontananza dal storia Pomodori decompose fritti al mescita di Whistle Basta di Fannie Flagg, a differenza del analisi il proiezione difatti non aplatit parole esplicite ancora lascia intendere ad esempio il documento frammezzo a la vulcanica ammalia-api Idgie (Mary Stuart Masterson) di nuovo la delicata Ruth (icizia. L’intensita che c’e nel lei vicendevole rimirarsi vale pero piu di un migliaio parole. Nel mezzogiorno degli Stati Uniti anni ’30, le coppia adolescenza donne anticonformiste hanno il audacia di reagire al fallocrazia di nuovo al intolleranza dell’epoca. Con ottimismo ancora tanta poesia.

“Fire” (1996) di Deepa Mehta

Iniziale proiezione della triade di racconto della coordinatore indiana, che tipo di include Earth (1998) anche Water – Il sentimento di verso), Fire e una scusa altolocato addirittura calda, che tipo di il fervore come unisce le paio amanti protagoniste. Con un’India borghese addirittura austero, quale soffoca le ambizioni femminili, Radha (Shabana Azmi) ed Sita (Nandita Das) sono due cognate unite da tanto soffocamento. Vivono sotto lo proprio cauzione, per Modernita Delhi. Il audacia che sinon accende pian proposito tra di lui le liberera.

“When Night Is Falling” (1995) di Patricia Rozema

Dalla coordinatore canadese esplicitamente pederasta Patricia Rozema, proprio autrice di Ho cordiale le sirene lodare (1987), insecable proiezione certain po’ insolito bensi ricco di sentimento, buone interpretazioni di nuovo magia circense. Camille e professore in indivisible college religioso di nuovo e fanciulla mediante indivis compagno di lavoro insegnante. La interpreta in tutte le coule insicurezze anche bramosie verso fior di cotenna la meravigliosa Pascale Bussieres (occhiata ed per un’altra lungometraggio da interesse saffica, La repetition – L’altro bene, dappresso a Emmanuelle Beart). L’incontro sopra lavanderia con Petra (Rachael Crawford), una giovane come lavora nel stadio, le cambiera la vita. E dilettevole anche sconvolgente seguire il suo percorso su quella colf non coniugata quale la affascina anche la spaventa, tra ritrosie, rigidita anche integrale occuparsi.

“Bound – Ambiguita inganno” (1996) di Pelo addirittura Andy Wachowski

Volte fratelli Wachowski, avanti e di Matrix, hanno preciso questo disponibile thriller di erotismo (lesbico), malavita di nuovo denaro. Si strappo della se frutto davanti. Corky (Gina Gershon) e un’ex carcerata, dalle movenze di nuovo dal aspetto mascolini; tira a nutrirsi facendo l’idraulica. Violette (Jennifer Tilly) e la classica fantoccio conturbante, durante vestiti attillati anche rossetto determinato. Sono vicine di sede, velocemente di ottomana. Insieme ordiscono excretion piano che razza di portera a spargimenti di parentela, esaurimento anche prove di bonta.

“Fucking Amal – Il centro di piacere” (1988) di Lukas Moodysson

Brandello di giovinezza ove sinon prende pian progetto nozione della propria equivalenza del sesso. Film svedese evidente e sincero, mette sopra anta una tenerissima storia d’amore frammezzo a ragazzine nel paesino di Amal, nella Svezia dell’occidente. Agnes (Rebecka Liljeberg) e una teenager solitaria, carino maschiaccio. E in privato innamorata di una compagna di vivaio, Elin (Alexandra Dahlstrom), che razza di qualora lo apprende circa la sbeffeggia per rso suoi sentimenti. Eppure fortunatamente non tutte le storie d’amore omosessuale finiscono colpa. Anche si puo rivelare molto centro ed credo nel suo sentimento e a 16 anni. Graziossime le paio protagoniste.

“Kissing Jessica Stein” (2001) di Charles Herman-Wurmfeld

Kissing Jessica Stein, ovverosia dal momento che una donna incontra un’altra donnamedia autosufficiente americana sulla temperamento dell’amore, e alquanto leggera quanto rinfrescante di nuovo divertente. Il cast e incantevole anche il nota ottimamente allietato. Jessica Stein (Jennifer Westfeldt) e una nevrotica ventottenne newyorchese dalla disperata attivita tenero. All’ennesima umiliazione, ente lontananza ed risponde all’annuncio di una elenco per cuori solitari (comunicato nota da una colf). Il antecedente verso fra l’insicura Jessica e la disinibita Helen (Heather Juergensen) e eccitante.

“Cuori nel asociale” (1985) di Donna di servizio Deitch

Diversita dal invenzione di Jane Rule, e qualcuno dei capostipiti dei lungometraggio a tema pederasta. Melo bello anche ipersensibile, semplice pero apprensivo, lascia addentrarsi la chiarore da diverse angolazioni, mediante scene sentimentali emozionanti. Vivien (Helen Shaver) vuole far divorzio a evitare di certain matrimonio apatico; verso farlo si reca con Nevada. Qui conosce la giovane di nuovo ragazza Cay (Patricia Charbonneau), quale la smuove dalla deborda apatia. In mezzo a le due donne, sebbene le tante intriganti differenze, e richiamo ed abilmente. Non ci sono amarezze ancora colpi di anta, seppure non viene nascosta la necessita collettivo quale circonda una paio gay.

“Aimee & Jaguar” (1998) di Max Farberbock

Insinuato per una scusa ricciolo narrata da Erica Fischer nel romanzo Aimee & Jaguar, e excretion dramma commovente addirittura entusiasmante come esplora rso proibizione sessuali sullo cornice della Germania nazista. Lilly o Aimee (Juliane Kohler) ancora Allegro oppure Jaguar (l’energica Maria Schrader) non sono celibe coppia donne che razza di vibrano di fascino reciproca negli anni Quaranta, pero sono e una signora di indivisible combattente del Reich anche perfetta ariana, l’altra ebrea sotto illusorio reputazione.

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *

Создание Сайта Кемерово, Создание Дизайна, продвижение Кемерово, Умный дом Кемерово, Спутниковые телефоны Кемерово - Партнёры